News

Seleziona Anno: Tutti 201720162015 << Back

Chirurgia robotica

La sanità monzese cerca finanziatori per la chirurgia robotica
 
Prima uscita ufficiale per il “Progetto Da Vinci” che ha l’obiettivo di dotare l'Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Monza della chirurgia robotica.
Il progetto è stato presentato il 21 ottobre nel corso di una serata organizzata dallo Sporting Club Monza e dal gruppo di imprenditori Up Network. L’obiettivo è l’avvio di una raccolta di fondi privati e sponsorizzazioni per l’acquisto di un sistema robotico “Da Vinci Xi” ultima frontiera in materia di chirurgia.



Promotore del progetto è il direttore della Divisione di Urologia dell’ospedale di Desio, dottor Francesco Franzoso, che ha subito trovato terreno fertile tra i presidenti di Up Network, Andrea Cabiati e dello Sporting Club Monza, l’avvocato Carlo Cappuccio.
Le potenzialità della chirurgia robotica e la sua diffusione in Italia e nel mondo sono state presentate dal dottor Giuseppe Spinoglio, Direttore dell’Accademia Europea e del Programma di Chirurgia Robotica Colo-rettale “EARCS”. L’Asst di Monza, nonostante un bacino di 900mila pazienti è una delle poche in Lombardia a non avere ancora la chirurgia robotica.
Il dottor Matteo Stocco, direttore generale dell’Asst di Monza ha spiegato come il ricorso all’aiuto dei privati sia nel Dna stesso della sanità monzese. Lo stesso Ospedale San Gerardo, oggi centro d’eccellenza nazionale e internazionale, venne fondato proprio grazie al contributo delle famiglie monzesi.
 
Il Da Vinci ha un costo iniziale “importante”, ovvero 2 milioni e mezzo di euro. In chiusura di serata, il direttore generale Stocco si è impegnato formalmente con la platea a coprire con i fondi regionali dell’Asst il delta mancante - rispetto alle donazioni raccolte - per l’acquisto del robot, entro la fine del 2018. Per promuovere questa forma di crowfounding l’Asst di Monza ha attivo nel suo sito istituzionale www.asst-monza.it una pagina dedicata all’interno del menù “Sponsorizzazioni” in cui comparirà anche il “Progetto Da Vinci”.


 
Ufficio Stampa Up Network
Emporio delle Parole