News

Seleziona Anno: Tutti 201720162015 << Back

71ª assemblea degli Albergatori

A Figino Serenza, in Villa Argenta, si è discusso sul  tema caldo della Parity Rate che è stato analizzato in un confronto aperto tra tutti i player più importanti: Confcommercio, Federalberghi, Associazione Albergatori, Trivago e RES.

Al tavolo  Alessandro Nucara, Direttore Generale Federalberghi; Isabella Scaccia, Industry Manager di Trivago per l’Italia; Marco Malacrida, Amministratore Unico RES; Roberto Cassani, Presidente Associazione Albergatori.
Moderatore d’eccezione, Diego Minonzio, Direttore de La Provincia.


Roberto Cassani, presidente uscente degli Albergatori ha ringraziato il direttivo uscente.
«Il lavoro del nuovo direttivo sarà particolarmente duro, proprio in questo momento sta cambiando il mondo degli alberghi, a causa delle prenotazioni online, delle recensioni via web. Un altro tema particolarmente critico è costituito dalle concorrenza sleale che le strutture ricettive sono costrette a subire da quelle borderline.
Inoltre presto si concretizzerà una legge regionale sul turismo con l’intento di uniformare i criteri di valutazione degli alberghi. E’ evidente come una legge regionale su questi temi suoni anacronistica, ma il Lario sta vivendo un momento felice. Il 2015 si è chiuso con record di visite e nel 2016 si stanno verificando tutti i presupposti perché il trend venga confermato. C’è un discreto ottimismo, anche se non nascondiamo la preoccupazione per l’instabilità della situazione internazionale, poiché il core business del nostro turismo è ancora composto da turisti stranieri».

Durante l'assemblea sono stati votati il nuovo direttivo che nei prossimi giorni eleggerà i nuovi presidente e vice presidente.
I candidati sono Roberto Cassani, Samuele Flaminio, Claudio Nogara, Stacey Ross Whieldom, Cristina Zucchi, Manilio Ambrosini, Tiziana Martinelli, Andrea Camesasca, Alberto Proserpio, Paolo Peroni, Antonio Corbella, Colombina Merloni, Raimondo Sartorio, Gianfranco Bucher, Umberto Butti
 
Alla serata ha partecipato anche il sindaco di Figino Serenza, Angelo Orsenigo che ha sostenuto «La necessità di alleggerire la tassazione per il settore alberghiero e fare fronte comune e compatto per il brand Lago di Como, che non deve unirsi a Monza ma piuttosto fare fronte comune con Lecco per mantenere l’identità del lago». Plauso e sostegno per questi concetti espressi da parte di Cassani e Graziano Monetti, direttore di Confcommercio Como.
Soddisfazione e attenzione quella espressa da Monetti, che dice: «Nel 2015 si sono associate nuove strutture alberghiere e abbiamo raggiunto una percentuale di presenza sul territorio che supera il 90%» e aggiunge sull’imposta di soggiorno: «Questa imposta nel 2015 ha fruttato alle casse dei comuni milioni di euro, ma sempre più spesso anche per alcuni dei comuni del nostro territorio, viene da chiedersi: quanti ne sono stati spesi in favore del turismo e dei turisti? Continueremo a monitorare la corretta destinazione degli introiti e a chiedere con forza il nostro coinvolgimento, per altro previsto dalla legge, alle Amministrazioni Comunali».
In tema di parity rate, ovvero la possibilità che gli alberghi hanno di competere con i grandi portali di prenotazione online, Alessandro Nucara, direttore generale di Federalberghi, osserva come «E’ sbagliato pensate che basti cambiare le regole per risolvere la situazione. Serve lavorare su competenze e tecnologie» la sua richiesta, lo perdo». Isabella Scaccia, Industry Manager di Trivago per l’Italia, commenta: «E’ giusto diversificare, noi proponiamo ai nostri clienti quello che c’è sulla rete: offerte diverse per pubblico diverso. L’equilibrio sta nel cercare di diversificare i canali».
Importantissime anche le recensioni online, che  non devono essere viste come un male per gli albergatori.  Marco Malacrida, amministratore unico di Res Hospitality Business Developers dice: «Abbiamo la possibilità di riappropriarci del rapporto diretto col cliente, una seconda chance per riconquistare i fondamentali dell’ospitalità. Questo nuovo processo di industrializzazione è un’opportunità straordinaria e per i giovani c’è lavoro all’infinito».
Gli Albergatori si riuniranno tra pochi giorni per la proclamazione del nuovo presidente.