Magazine

Eccoci a Dineyland Paris

(p.an.) Profumo di zucchero filato, musiche che ti riportano ai migliori anni dell’infanzia, un inconfondibile castello sullo sfondo. Del fatto che Disneyland Paris sia un parco di divertimenti unico ti accorgi già quando scendi dalla navetta, passi i primi controlli degli zainetti e varchi i primi cancelli verdi.

E’ questo il portale verso un mondo che ti avvolge a 360°. Poco importa se ad agosto passi in coda un’elevata percentuale del tuo tempo. Poco importa se tutto a Disneyland Paris costa un po’ di più, dalla bibita al cappellino. In questo mondo non valgono le regole di Parigi, Milano o della tua città. E’ il mondo di Topolino, di Frozen, di Simba… guarda, là, sta passando anche Pinocchio e chi se lo ricordava? Sono questi personaggi magici a rendere unica la tua esperienza tra le attrazioni. Dal vascello di Peter Pan al labirinto di Alice nel paese delle meraviglie.

Se è una famiglia con tre bambini, come la nostra, a vivere Disneyland Paris, è meglio organizzare tutto nei minimi particolari. L’hotel? L’offerta è notevole, di tutti i prezzi. Se alzi un pochino il budget puoi soggiornare nei dintorni del parco. Il Vienna Magic Circus che abbiamo scelto è a meno di 5 minuti, ha la navetta gratuita e una piscina coperta. La colazione è compresa ed è davvero abbondante. Se poi “fai l’italiano” e ti preparai anche qualche panino per la giornata tra le giostre, nessuno ti dirà nulla. Chi può spendere di più, può arrivare alla primissima fascia di alberghi, ma pure che viaggia low cost e opta per un appartamento o un hotel a una stella nel centro di Parigi (provato anche quello, per visitare il centro della capitale francese) non avrà problemi a raggiungere il parco di divertimenti con il treno Rer.

Torniamo alla visita al parco, o meglio ai parchi. Perché, anche se fate un giorno solo, vale la pena fare un passaggio dagli Studios. Prendete il trenino con gli effetti speciali, un’esperienza che non dimenticherete. Sempre se avete il biglietto per un giorno, ma arrivate nei dintorni del parco la sera prima, approfittatene per visitare il villaggio commerciale. Da Planet Hollywood ai negozi di gadget, dai pub con musica dal vivo al grande negozio della Lego. La magia, come dicevamo, parte ben prima di entrare nel parco. Se siete quelli di prima, low budge, c’è anche un McDonald. Se invece non badate a spese, avvicinatevi alla mongolfiera, ecco il ristorante dove tutti i personaggi Disney cenano con voi. Per i bimbi più piccoli sarà davvero indimenticabile.

Un panino al pub può essere un’alternativa. Pizza? Non siete a Napoli. In centro a Parigi si può mangiare ottima pizza nel quartiere latino, a Dineyland Paris meglio evitare…